Sfortunatamente non spediamo nel tuo paese.

guarda dove spediamo

Trova subito la tua risposta qui. Saremo di nuovo disponibili luned dalle 09:00. Oppure scrivici.

Projekt S5

Il freerider super leggero
con 180 mm di escursione

Sentieri estremamante tortuosi con ripide salite, superfici scivolose, un terreno sconnesso, ostacoli, ripidi pendii, discese con una pendenza di oltre il 70% e tornanti a gomito dove anche il coordinamento tra ruota anteriore e posteriore è estremamente limitato. Questi difficilissimi percorsi possono essere riassunti con una sola espressione: S5. Che sta per livello di difficoltà 5, che è la condizione di terreno più complicata e di difficile gestione. Una situazione del genere chiede il massimo impegno sia alla bici che al ciclista. Sentieri estremamante tortuosi con ripide salite, superfici scivolose, un terreno sconnesso, ostacoli, ripidi pendii, discese con una pendenza di oltre il 70% e tornanti a gomito dove anche il coordinamento tra ruota anteriore e posteriore è estremamente limitato. Questi difficilissimi percorsi possono essere riassunti con una sola espressione: S5. Che sta per livello di difficoltà 5, che è la condizione di terreno più complicata e di difficile gestione. Una situazione del genere chiede il massimo impegno sia alla bici che al ciclista.

Con il Progetto S5 Canyon dimostra ancora una volta quello che l'azienda ritiene essere il futuro del ciclismo. Canyon pubblicherà per la prima volta uno studio di mountainbike. Lo studio dimostra dove si può arrivare scrollandosi di dosso le catene convenzionali perché le convenzioni ci legano al passato. Con un grande sforzo le menti di Canyon ha realizzato una bici unica per conquistare i sentieri più lontani che possono essere pedalati in salita come una bici da gran turismo. Il Progetto S5 si trasforma così in una super enduro. L' obiettivo dei progettisti è stato quello di offrire le migliori prestazioni possibili in discesa mantenendo un livello accettabile di peso. Il nocciolo della superenduro da 11,95 kg è il telaio che è stato ottimizzato anche sulla base della nuova Torque. La caratteristica più evidente della versione da turismo del telaio della serie è la lavorazione zigrinata di alcuni componenti: la slitta dell'ammo, la montatura dell'ammortizzatore ed i forcellini sono zigrinati e quindi pesano di meno, ma offrono le stesse prestazioni.

Inoltre la superficie della slitta è rinforzata per aumentarne la resistenza ai graffi. Gli sviluppatori hanno anche ulteriormente migliorato i tubi del telaio e quindi perfezionato il telaio nelle zone di più intensa attività. Ciò ha consentito un notevole risparmio di peso pur mantenendo la capacità della bici di reagire su terreni accidentati, cosa necessaria per una bici da 180 mm di escursione. Ultimo ma non meno importante, la bici è dotata di un mozzo in carbonio Syntace X12 che è stato fabbricato esclusivamente per questo scopo, perché il diavolo guarda spesso ai dettagli. Se si ha tempo ed energia da spendere per esaminare ogni piccola parte con molta attenzione, si può risalire in ultima analisi ad un peso complessivo il più basso possibile.

C'è anche una novità nel design della forcella. Dal mozzo al tubo sterzo. In stretta collaborazione Rock Shox e Canyon hanno sviluppato una soluzione per soddisfare pienamente lo scopo del progetto: 180 mm di escursione ed una prestazione unica che tiene la ruota anteriore ben salda al terreno su percorsi difficili e in discesa ma al contempo assorbe con facilità inimmmaginabile alti gradini di roccia o radici. E tutto questo con un peso di soli 2.200 gr - un risultato accattivante per una forcella da 180 mm. L'ammortizzatore offre anche una performance fino ad ora sconosciuta: Nonostante sia molto leggero l'ammortizzatore lavora bene tanto quanto i modelli con molla d'acciaio. L'unico tasto dolente è che non c'è ancora alcuna data di lancio ufficiale per la vendita di questi due prototipi di molla.

Le nuove ruote EXC 1550 dell'eccellente marchio DT Swiss hanno una base d'appoggio molto bassa. Si può risparmiare un sacco di peso soprattutto sui cerchioni perché i progressi nella tecnologia in carbonio hanno raggiunto anche le ruote e quindi il bordo del nuovo DT Swiss è fatto di una meravigliosa fibra nera. Tuttavia continuano ad offrire una certa durata di utilizzo e la resistenza necessaria per il funzionamento off-road che è tipico di tutti i prodotti DT Swiss. Con le ruote da 1550 gr gli svizzeri hanno portato un vero e proprio gioiello per la gamma 2010 che rappresenta una vera alternativa per tutte le enduro e le freerider. I nuovi copertoni Onza Ibex con una larghezza di 2,25 pollici offrono un grip eccellente sulle rocce e sui sentieri tortuosi.

Prototipi e parti innovative

Sui freni i product manager sono riusciti ad unire il meglio in termini di stabilità, potenza di frenata e controllo. Le leve in carbonio Formula R1 con una pinza freno Formula "The One" nella parte anteriore ed una pinza R1 sulla ruota posteriore bloccano la S5 con una morsa dura come titanio e la sensibilità di un sismografo e questi sono tutti presupposti importanti per essere in grado di gestire il percorso senza fine. Il sistema frenante non è adatto solo per lunghe e ripide discese alpine con il suo disco da 200 mm davanti ed un leggero spider di alluminio da 180mm sulla ruota posteriore. Il diametro maggiorato di 20 mm sulla ruota anteriore garantisce prestazioni ancora migliori, mentre i 180 mm sulla ruota posteriore ti offre - a patto che lo usi correttamente - adeguate prestazioni di frenata anche su percorsi da freeride. Tuttavia, se si vuoi veramente spingere la S5 oltre il suo limite, la tenica corretta in frenata deve solo essere di secondo piano per te. Bulloni in titanio per le leve ed i dischi abbassano il peso ancora di pochi grammi ed aggiungono un tocco di classe finale a queste superbe ancore.

Il motore del Progetto S5 rappresenta un'ulteriore punto di forza. La guarnitura Clavicula che è stata originariamente sviluppata per i ciclisti di cross country ottiene riconoscimenti per la sua brutale rigidità e la corsa fluida. Due corone superleggere in una combinazione 20/32 permettono una buona guida sia in salita che in discesa. E 'soprattutto la corona da 20 combinata con la 34-pignone che consente al rider di affrontare delle rampe scoscese. La corona da 32 denti permette al ciclista di premere di più sui pedali in discesa e, soprattutto, quando si accelera sui tornanti stretti. I designer di Canyon hanno progettato un rivestimento in alluminio per questa guarnitura in modo che possa sopportare le sfide quotidiane sui single trail. La "calza" isolante della pedivela garantisce un'efficace protezione dai graffi grazie alla speciale superficie rinforzata. Tutto questo offre un aspetto assolutamente eccezionale a questa bici. Se dovessi incontrare in discesa alti gradini o tronchi il bashguard CNC zigrinato - anche questo rinforzato esternamente - ti protegge in maniera affidabile dal perdere i tuoi denti.

Con il progetto S5 è la prima volta che Canyon presenterà un progetto di mountainbike. Sui percorsi alpini di alta montagna i lunghi sentieri così come le piste difficili fanno parte della vita quotidiana, ed il Progetto S5 ha tutte le premesse necessarie per dominare questi percorsi indipendentemente dal fatto che si tratti di salita o di discesa.

Rock Shox Prototyp Dämpfer

Nachgefräste Rahmenteile zur Gewichtsoptimierung

Clavicula-Kurbel mit Bashguard und "Schutzsocke"

Carbon Steckachse

Superleichte Canyon Sattelklemme

Rock Shox Prototyp Gabel

Rahmen: Torque 2010 light 2.930g
Gabel: Rock Shox Prototyp Studie 180 mm
Dämpfer: Rock Shox Prototyp Studie 76,2 mm Hub
Steuersatz: Acros Ai 03 106g
Laufrad front: DT EXC 1550 650g
Achse front: Canyon Light-Axle 20mm 55g
Laufrad back: DT EXC 1550 850g
Achse back: Canyon Light-Axle Carbon 12mm 36g
Reifen: Onza Ibex FR 2.25 1.390g
Schläuche: Schwalbe XX light 190g
Kurbel: THM Clavicula MTB 175mm 440g
Kette: KMC X9SL 243,5g
Kettenblätter: Mountain-Goat/XTR 20/32 63g
Bashguard: Canyon light BG 48g
Lenker: Syntace Vector Carbon 170g
Vorbau: Syntace Force 109 ti 109g
Griffe: Canyon short 50g
Bremse front: Formula THE ONE 203 Carbon/Alu/Titan 354g
Bremse back: Formula R1 180 Carbon/Alu/Titan 276g
Umwerfer: Shimano XTR 130g
Schaltwerk: SRAM X.O 192g
Schaltgriffe: SRAM X.O 224g
Zahnkranz: Recon 11-34 Aluminium 148g
Sattel: Selle Italia SLR Kit Carbonio 125g
Sattelstütze: Easton EC90 SP Zero 190g
Sattelklemme: Canyon Special Seat Clamp 35g
Schaltzüge: Nokon 70,5g
Kurbelarmschützer: Canyon 60g
     
Gesamtgewicht incl. Schmierstoffe etc.: 11.945g